Il 9 febbraio, l’I.C. “G. Marconi” di Martina Franca si mobilita contro il bullismo e il cyberbullismo con una mostra e un flashmob.

Segue cs:

L’I.C. “G. Marconi” di Martina Franca scende ancora una volta in campo contro il bullismo e il cyberbullismo, questa volta con l’organizzazione di una mostra, allestita nei locali della scuola, promossa nell’ambito delle iniziative realizzate in occasione della Giornata nazionale contro il Bullismo e il Cyberbullismo, “Safer Internet Day, istituita dal 2017 per sensibilizzare sulle tematiche che riguardano questi due fenomeni, purtroppo in forte espansione.

La mostra, ideata come valore aggiunto del progetto “Cyberbulli _No per un web sicuro”, presentato dall’Istituto Comprensivo “G. Marconi”, in rete con l’I.C. “Giovanni XXIII” e l’I.C. “D. Alighieri” di Villa Castelli, selezionato dalla Regione Puglia per essere attuato nell’anno scolastico in corso, testimonia l’importante percorso svolto con gli alunni nei tre ordini di scuola: attività sul tema dell’intelligenza emotiva, attraverso itinerari che hanno ripercorso l’alfabetizzazione emotiva, dal riconoscimento delle emozioni, alla capacità di denominarle, all’imparare progressivamente a saperle gestire efficacemente; l’accento dato sull’uso attento delle parole che vanno sempre usate con rispetto e gentilezza verso gli altri, soprattutto nel web; la conoscenza dei rischi della rete e la riflessione sul suo uso consapevole.

La mostra è stata realizzata con la raccolta dei lavori più significativi con i quali si sono allestiti pannelli contenenti cartelloni, disegni e manufatti in 3D, realizzati dagli alunni dell’Istituto Comprensivo. L’esposizione si completa con contributi multimediali della Scuola secondaria e della Scuola dell’infanzia che saranno fruibili nella sala Ruggiero.

Tutto il lavoro evidenzia come a scuola si può combattere il bullismo, lavorando sul rafforzamento dell’autostima, creando costellazioni di esperienze e memorie positive, fornendo agli alunni anticorpi efficaci per affrontare le sfide e le difficoltà che si possono incontrare nel percorso di crescita e di evoluzione della socialità.

La mostra, che resterà allestita sino a fine febbraio, sarà fruibile dai genitori e da tutti coloro che, sensibili alla tematica, vorranno prendere visione dell’impegno costante della scuola nel contrasto ad ogni forma di violenza, sopraffazione e prevaricazione attraverso l’educazione emotiva, base per uno sviluppo sano dell’individuo e delle sue capacità relazionali, strumenti efficaci per prevenire il bullismo e il cyberbullismo.

E nella mattina di venerdì 9 febbraio, l’Istituto sarà impegnato, insieme agli istituti comprensivi in rete, nell’organizzazione di un corteo che, partendo alle ore 10.00 da piazza Marconi si snoderà fino a piazza XX Settembre, dove gli alunni si esibiranno in un flashmob e nell’esecuzione di canzoni appositamente create sul tema.

Luciana Convertini

Visualizza tutti i post